domenica 29 luglio 2018

RELATIVITA': CONTRAZIONE DELLE LUNGHEZZE

La LUNGHEZZA PROPRIA è la distanza tra due punti misurata da un osservatore in quiete rispetto ad essi.
Consideriamo una BARRA di lunghezza Lo posta lungo la direzione dell'asse delle x e con una estremità in O, in quiete rispetto ad un sistema S' che si muove con velocità relativa v nella direzione dell'asse x rispetto ad un sistema S. 
Dunque per ipotesi le coordinate degli estremi della barra in S' sono:
x'1=0 e x'2=Lo
Quanto vale la lunghezza L misurata da un osservatore posto in S?
L è la distanza delle coordinate degli estremi della barra x1 e x2 prese al tempo t: L=x2-x1
usando le trasformazioni di Lorentz:
Quindi per un osservatore in moto rispetto alla barra la sua lunghezza risulta inferiore rispetto alla lunghezza propria misurata dall'osservatore in quiete rispetto alla barra:








Paradosso del tunnel di Einstein
















Nessun commento:

Posta un commento